Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
Corsi in Mediateca
UN'OCCASIONE DI FORMAZIONE CONTINUA PER CONOSCERE PIÙ DA VICINO IL MONDO DEL CINEMA
info sull'utilizzo della carta del docente QUI
 
DOCUDANCE
Percorso di formazione sul tema della DANZA
Con Serena Marossi
Mercoledì 31 gennaio, 7, 14 e 21 febbraio, 20.45 - 22.30 
Iscrizione 30€
Presso la sala corsi di Mediateca, Via Angelo Goisis 96/B - Bergamo
Per informazioni e iscrizioni contattare mediateca@sas.bg.it
 
Il laboratorio, partendo dalla visione di estratti da differenti film/documentari, vuole mostrare come la danza può farsi veicolo di pace, di costruzione di relazioni sociali e di educazione alla bellezza.
Danza al di là delle differenze fra stili e generi.
 
Perché il documentario? Perché è il genere cinematografico che più è in grado di cogliere la realtà nella sua essenza e che più si avvicina alla pratica dell’improvvisazione strutturata, un efficace approccio ala creatività tipico della danza contemporanea. Il documentario come strutturazione cinematografica dell’improvvisazione delle immagini catturate nella vita quotidiana.
 
È scientificamente provato che l’essere umano ha una relazione di piacere dei confronti del riconoscimento; c’è un rilascio di endorfine nel corpo nel momento in cui avviene un fatto di riconoscimento. Il fatto di riuscire a leggere un codice – un tipo di musica, di arte o di danza – dà la possibilità di creare paragoni, di capire o di apprezzare di più quello che si vede.
Ma, soprattutto, il riconoscimento include la conoscenza: è quindi fondamentale far conoscere al pubblico cosa esso può potenzialmente vedere, cosa sta per vedere o cosa ha visto. 
Pensiamo a questi incontri come alla consegna di cassette degli attrezzi. Una fornitura di strumenti con i quali approcciarsi agli spettacoli, smontarli, rimontarli, accoglierli o rigettarli con più cognizione di causa e con più soddisfazione.