Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Cinema all'apertoArena Santa Lucia Infoe contatti
cinema e storia
proiezioni e incontri con gli autori
Cinema e Storia
3 appuntamenti a Bergamo presso Cinema del Borgo
proiezioni e incontri con gli autori
 
Lunedì 18 e martedì 19 novembre ore 21.00
CITIZEN ROSI - La storia dell’Italia attraverso le opere di Francesco Rosi
 
Giovedì 5 dicembre ore 21.00 proiezione e incontro con l’autore
BASSIL’ORA - Storia di Prigionia dalle Gelide Terre Russe
 
Giovedì 12 dicembre ore 21.00 proiezione e incontro con l’autore
FUCILATELI – Commissione d’inchiesta su Caporetto
 
 
Cinema del Borgo dedica spazio al dialogo tra cinema e storia italiana con tre opere che fanno luce su avvenimenti poco conosciuti e soprattutto spesso mai approfonditi.
Si parte con l’affascinante CITIZEN ROSI. Attraverso l’incontro con i capolavori del regista Francesco Rosi (Lucky Luciano, Salvatore Giuliano, La sfida, Le mani sulla città, Il caso Mattei…) e attraverso i dialoghi avuti con lui, la nipote Carolina riesce a raccontare alcuni avvenimenti centrali o ancora oscuri della storia italiana e soprattutto ad appassionare per l’attualità che questi hanno ancora oggi.
Gli altri due titoli, BASSIL’ORA e FUCILATELI aprono pagine di storia italiana legate alle guerre mondiali poco conosciute e spesso volutamente nascoste dai racconti ufficiali dei libri di storia, perché tutt’altro che gloriosi. Approfondiscono avvenimenti centrali come la commissione d’inchiesta sulle morti avvenute dopo Caporetto e la campagna in Russia durante la seconda guerra mondiale. A queste due proiezioni interverranno gli autori dei film che dialogheranno con il pubblico.
 
Lunedì 18 e martedì 19 novembre ore 21.00
CITIZEN ROSI. La storia dell’Italia raccontata attraverso l’opera di Francesco Rosi
di Didi Gnocchi, Carolina Rosi, doc, 130’, Italia 2019
Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia “Citizen Rosi” ripercorre attraverso il cinema di Francesco Rosi la storia del nostro paese partendo da quel film che il regista riteneva raccontasse la madre di tutte le trattative tra lo Stato e le mafie, tra settori delle istituzioni e cartelli del crimine: “Lucky Luciano”.
Mettendo in fila le sue opere più legate alla cronaca, alla politica e alla società italiana: Salvatore Giuliano, La sfida, Le mani sulla città, Il caso Mattei, Cristo si è fermato a Eboli, Cadaveri eccellenti, Tre Fratelli, Uomini contro, Dimenticare Palermo, otteniamo una delle analisi più lucide della storia d’Italia.
E' un viaggio nel cinema civile di Rosi, del Cittadino Rosi, come lui amava definirsi. Un viaggio che applica il suo metodo di lavoro, quello che ha consentito che i suoi film resistessero agli elementi di novità portati nel tempo dalle inchieste e dalle analisi storiche.
 
Giovedì 5 dicembre ore 21.00
proiezione e incontro la regista Rebecca Basso e Luca Bozzato montatore del film
BASSIL’ORA - Storia di Prigionia dalle Gelide Terre Russe
Di  Rebecca Basso, doc, Italia 2019
Il racconto di una fase buia della storia italiana, grazie alla testimonianza e alle immagini di repertorio di uno dei sopravvissuti alla Campagna di Russia avvenuta durante la Seconda Guerra Mondiale. Katerina ripercorre gli incontri che ha avuto con Giuseppe Bassi, reduce da quella missione fallimentare avvenuta sul fronte sovietico. Fa riaffiorare alla memoria i momenti che hanno vissuto insieme, le sue parole e la sua storia che, un po’ alla volta, prendono forma nel suo racconto. Sono tre gli ambienti che si alternano nella sua memoria: la cripta, luogo in cui lei e Giuseppe si sono conosciuti; il museo, che raccoglie tanti documenti e testimonianze di quella guerra, e la casa di Giuseppe dove, dopo qualche tempo dal loro primo incontro, si rivedono nuovamente. Attraverso le sue riflessioni entriamo in profondità del vissuto di Giuseppe, nelle sue emozioni, ma, al tempo stesso, passiamo dal microcosmo della sua storia personale, al macrocosmo della guerra intesa in senso più ampio. Le vicende che riaffiorano alla sua memoria, laddove non raccontate attraverso le sue stesse foto e disegni, sono rese visivamente dalle animazioni, a rappresentare l’immaginazione di Karina che ricostruisce con la sua fantasia i racconti di vita di Giuseppe. La sua voce diventa quella di un noi collettivo, quella di un personaggio con cui immedesimarsi perché mostra la guerra nella sua tragedia, senza schieramenti, e cerca di portare uno sguardo oggettivo sul fronte Russo, una pagina di storia poco raccontata della Seconda Guerra Mondiale.
 
Giovedì 12 dicembre ore 21.00
proiezione e incontro con i registi Manuel Zarpellon e Giorgia Lorenzato
FUCILATELI – Commissione d’inchiesta su Caporetto
di Manuel Zarpellon, Giorgia Lorenzato, doc. Italia, 2019
Si racconta la vicenda, piena di ombre e di incertezze, delle centinaia di fucilazioni fra il 1915 e il 1919. Con particolare attenzione a quelle avvenute nei mesi successivi alla disfatta di Caporetto ma non solo. A condurre per mano in questo viaggio nella storia saranno la voce narrante di Stefano Amadio (giornalista, regista, autore), le lucide parole del prof. Marco Mondini (Università degli Studi di Padova) e le dichiarazioni del Procuratore Militare Dottor Marco De Paolis, della Dottoressa Irene Guerrini e del Dottor Marco Pluviano, tra i massimi esperti in campo di pena capitale durante il Primo Conflitto.
Il tema della Giustizia Militare a cent’anni di distanza è ancora oggetto di analisi e dibattito, per la storiografia e l’opinione pubblica italiana.
Nel 1917, i gravi fatti di Caporetto portarono numerose e note conseguenze nella storia del nostro Paese, tanto che nel 1918, l’allora Presidente Orlando decise di istituire una Commissione d’Inchiesta sui fatti di Caporetto al fine di determinare le responsabilità militari e personali che gettarono il paese in una situazione di estremo pericolo.
 
 
Proiezioni presso Cinema del Borgo
Ore 21.00
Ingresso 6,00 – 5,00