Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
mondovisioni a maggio
i documentari della rivista INTERNAZIONALE
dopoo l'anteprima degli scorsi giorni EL PAIS ROTO dedicata al Venezuala
MONDOVISIONI la rassegna di documentari della rivista internazionale
tornerà a maggio con altri importanti titoli
 
Cinema, politica, giornalismo e sguardi sul mondo
 
MONDOVISIONI è un rassegna su attualità, diritti umani e informazione, della rivista “Internazionale”. Debutta ogni anno a inizio ottobre a Ferrara per poi essere presentata in molte altre città tra cui Bergamo presso Cinema del Borgo
 
Mondovisioni racconta la complessità del mondo che ci circonda: storie senza filtri che ci riguardano, emozionanti, profonde, esemplari. E quel che più conta, sono film belli e importanti scelti dai più prestigiosi festival internazionali, quest’anno tutti in anteprima per l’Italia.
L’edizione 2018-2019 presenta film sull’ondata globale populista e settaria con cui facciamo i conti quotidianamente come Eurotrump sul ruolo chiave a livello europeo del populista olandese Geert Wilders. Su un fronte opposto, non troppo diversi risultano cameratismo, ottusità e cinismo degli islamisti radicali che Recruiting for Jihad ci mostra al lavoro in Europa, a testimonianza che siamo di fronte a un allarme che trascende le ideologie. Come sempre con Mondovisioni è guardando lontano che troviamo spunti per leggere il presente: El país roto ci conduce in un viaggio in uno dei paesi più profondamente in crisi, il Venezuela, Kinshasa Makambo celebra il coraggio dei giovani che nella Repubblica Democratica del Congo lottano per un cambio di potere e libere elezioni, con Whispering Truth to Power andiamo per la prima volta in Sudafrica a conoscere la straordinaria giudice Thuli Madonsela e la sua battaglia contro la corruzione. Nella tradizione della rassegna non manca un omaggio al miglior giornalismo come in Under the Wire, ritratto della leggendaria reporter Marie Colvin, caduta nel massacro della città siriana di Homs