Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Cinema all'apertoArena Santa Lucia Infoe contatti

IN DIALOGO CON LA DIVERSITÀ

proiezioni e incontri

IN DIALOGO CON LA DIVERSITÀ
Proposta per le sale del territorio:
Percorsi, rassegne, serate in cui proporre proiezioni abbinate anche a incontri di approfondimento
 
Proiezioni di film scelti per la loro forza nell’affrontare alcuni argomenti, a cui accostare momenti di commento e approfondimento a cura di esperti, a partire dagli stimoli proposti.
 
ACEC e SAS Bergamo mettono a disposizione la propria esperienza sia per aiutarvi a costruire un percorso (una rassegna di 2-3 serate, o anche serate singole), sia all’interno di rassegne-cineforum che tante sale già fanno, sia indipendentemente da queste.
Consulenza nella scelta dei film e nei contatti con relatori-esperti che cureranno le serate.
 
IN DIALOGO CON LA DIVERSITÀ
in collaborazione con l’Ufficio per la Pastorale dei Migranti: in particolare i titoli più recenti sono stati selezionati per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che coinvolgerà alcune SdC con proiezioni ed eventi speciali nel mese di settembre 2019.       
Negli ultimi anni la composizione sociale dell’Europa e quindi anche dell’Italia è profondamente cambiata. Nel nostro paese il continuo e inarrestabile afflusso di migranti da molte parti del mondo si sovrappone a una situazione economica interna ogni giorno più precaria, con un mercato del lavoro in difficoltà, specialmente per quanto riguarda l’inserimento dei giovani, e un numero sempre più elevato di famiglie italiane vicine alla soglia di povertà. Cosa significa oggi parlare di carità che accoglie? Che tipo di incontro è possibile con altre culture, diverse da quella occidentale e cristiana? Di seguito alcuni suggerimenti di titoli tra cui scegliere per organizzare proiezioni su questo argomento: se ne individuate altri adatti a questo tema possono essere presi in considerazione.
 
Bangla (rapporto genitori/figli, intercultura)
Fiore gemello (giovani, intercultura)
Dove bisogna stare (povertà/emarginazione, carità)
Le invisibili (povertà/emarginazione, carità)
A Ciambra (adolescenza, delinquenza minorile)
My name is Adil (adolescenza, rapporto genitori/figli)
L'ordine delle cose (politica, carità)
Il diritto di contare (razzismo, carità)

 
BANGLA di Phaim Bhuyian, Italia 2018, 86’
Il 22enne Phaim è un giovane musulmano di origini bengalesi nato in Italia. Vive con la sua famiglia a Torpignattara, quartiere multietnico di Roma, lavora come steward in un museo e suona in un gruppo. Durante un concerto incontra Asia. Tra i due c’è subito attrazione e Phaim dovrà confrontarsi con la più inviolabile delle regole islamiche: la castità prima del matrimonio.
 
FIORE GEMELLO di Laura Luchetti, Italia 2018, 95’
Basim è un immigrato clandestino proveniente dalla Costa d'Avorio, Anna la figlia di un trafficante di migranti. In fuga attraverso i paesaggi misteriosi e bellissimi della Sardegna, troveranno insieme, nell'amore l'uno per l'altra, la forza per camminare verso il futuro, senza più guardarsi alle spalle.
 
DOVE BISOGNA STARE di Daniele Gaglianone e Stefano Collizzolli, Italia 2018, 98’, documentario
Georgia, segretaria di Como, Lorena, psicoterapeuta in pensione a Pordenone; Elena, che lavora a Bussoleno e vive ad Oulx, fra i monti dell'alta Valsusa, e Jessica, studentessa a Cosenza, si sono trovate di fronte, concretamente, una situazione di marginalità, di esclusione, di caos, e non si sono voltate dall'altra parte. Sono rimaste lì, dove sentivano che bisognava stare.
 
LE INVISIBILI di Louis-Julien Petit, Francia 2019, 102’
Quattro assistenti sociali lavorano presso l'Envol, un centro diurno che fornisce assistenza alle donne senza fissa dimora. Quando il Comune decide di chiuderlo, le quattro donne dedicano gli ultimi mesi a trovare un lavoro alle loro assistite, abituate a vivere in strada. Violando ogni regola e incappando in una serie di equivoci, riusciranno infine a dimostrare che la solidarietà al femminile può fare miracoli?
 
A CIAMBRA di Jonas Carpignano, Italia/Francia 2017, 120' - vietato ai minori di 14 anni
Pio, 14 anni, vive nella Ciambra, la comunità rom stanziale di Gioia Tauro in Calabria, e vuole crescere in fretta: beve, fuma e impara l'arte di truffatore di strada. Quando il fratello maggiore Cosimo non può più badare alla famiglia, Pio deve prendere il suo posto, ma questo ruolo così grande per lui arriva troppo presto...
 
MY NAME IS ADIL di Adil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene, Italia/Marocco 2016, 74'
Storia vera di Adil, cresciuto nella campagna marocchina che a 13 anni raggiunge il padre in Italia. Qui si confronta con la durezza dell'esperienza migratoria, ma anche con le mille nuove occasioni ed esperienze che cambieranno per sempre la sua vita e il suo futuro, facendogli vivere un percorso di crescita tra mondi e culture differenti.
 
L'ORDINE DELLE COSE di Andrea Segre, Italia/Francia 2017, 112'
Corrado, alto funzionario del Ministero degli Interni specializzato in missioni internazionali contro l'immigrazione irregolare, si occupa dei viaggi illegali dalla Libia all'Italia. Quando incontra Swada, somala che cerca di scappare dalla detenzione per raggiungere il marito in Europa, separare il dovere professionale dalla vita privata diventa difficile.
 
IL DIRITTO DI CONTARE di Theodore Melfi, Usa 2017, 127'
L'incredibile storia di tre scienziate afro-americane che hanno lavorato alla NASA per il lancio in orbita dell'astronauta John Glenn, segnando una svolta nella corsa alla conquista dello spazio, ma soprattutto attraversando le barriere di genere e razza e ispirando le future generazioni a sognare in grande.

 
 
IMPORTANTE: La proiezione in pubblico dei film (sia dentro un cinema, sia presso sale polivalenti attraverso videoproiettori) va concordata con i detentori dei diritti e la Siae. SAS si occupa di prendere gli accordi necessari con le case di distribuzione e di darvi le informazioni necessarie.
Per info sui costi e sulla reperibilità delle copie contattateci al numero 035 320828.
I film vanno accompagnati da una presentazione o da un commento che dovrete organizzare voi. Se avete bisogno di contatti scrivete a biblioteca@sas.bg.it