Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Cinema all'apertoArena Santa Lucia Infoe contatti

ordinanze - regolamenti anticovid per sale cinematografiche

regolamenti

ordinanze - regolamenti anticovid per sale cinematografiche
ORDINANZE per SALE cinematografiche e teatri
Riassumiamo e teniamo aggiornate qui le norme da rispettare per le sale cinematografiche in perido Covid.
 
Facciamo riferimento in particolare alle comunicazioni delle associazioni di categoria (che vi sono state inviate via mail anche da Acec e Anec nazionale), che siete pregati di leggere in modo approfondito, e che trovate trovate anche qui in allegato) che a loro volta fanno riferimento ai decreti del governo e alle ordinanze di Regione Lombardia
 
Riassumiamo qui sintetizzando le norme principali.
 
- Dalla data di entrata in vigore del decreto-legge (ndr: 25 dicembre 2021) fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 (ndr: al momento fissata il 31 marzo 2022), per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso o all’aperto nelle sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportiviche si svolgono al chiuso o all’aperto, è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2.
 
- Nei suddetti luoghi, diversi dai servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio, e per il medesimo periodo di tempo di cui al primo periodo (ndr: dalla data di pubblicazione del presente decreto legge fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica), è vietato il consumo di cibi e bevande al chiuso. (ndr: il divieto riguarda il consumo non la vendita). (art. 4)
 
rimangono valide le precedenti precauzioni
 
- predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione da rispettare, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità, sia mediante l’ausilio di apposita segnaletica e cartellonistica e/o sistemi audio-video, sia ricorrendo a eventuale personale addetto, incaricato di monitorare e promuovere il rispetto delle misure di prevenzione facendo anche riferimento al senso di responsabilità del visitatore stesso;

in zona bianca, gialla e arancione, la capienza consentita è pari a quella massima autorizzata

- riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso in modo ordinato, al fine di evitare code e assembramenti di persone in tutto il percorso di entrata e uscita. Se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita;
 
- privilegiare, se possibile, l’accesso tramite prenotazione con assegnazione preventiva e nominale del posto a sedere ai singoli spettatori. L’acquisto dei biglietti dovrà essere effettuato di norma on-line e/o in prevendita per evitare code e assembramenti alle biglietterie;
 
- l’elenco dei soggetti utilizzatori dei biglietti deve essere conservato per un periodo di almeno quattordici giorni rendendolo disponibile su richiesta alle strutture sanitarie in caso di necessità di svolgere attività di contact tracing , nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali. Deve essere promosso l’utilizzo di tecnologie digitali al fine di automatizzare la gestione degli ingressi e degli elenchi nominativi;
 
- la postazione dedicata alla reception e alla cassa deve essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche;
 
- rendere obbligatoriamente disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani in più punti, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici;
 
- se possibile, ottimizzare l’assegnazione dei posti distribuendo gli spettatori in maniera omogenea negli spazi consentiti al fine di garantire il massimo distanziamento possibile tra le persone;

- non è consentita la partecipazione a spettatori privi di posti a sedere numerati negli ambienti al chiuso; all’aperto è consentito l’utilizzo di posti individuati, anche di tipo non convenzionale;
 
- per tutta la durata dell’evento, gli spettatori dovranno occupare esclusivamente i posti a sedere assegnati loro, con divieto di collocazione in piedi e di spostamento di posto;
 
- l’eventuale interazione tra artisti e pubblico deve garantire il rispetto delle raccomandazioni igienico-comportamentali ed in particolare il distanziamento tra artisti e pubblico di almeno 2 metri;
 
- garantire la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti, con particolare attenzione alle superfici toccate con maggiore frequenza, a fine giornata o al termine dell’evento;

- è obbligatorio mantenere aperte, a meno che le condizioni meteorologiche o altre situazioni di necessità non lo consentano, porte, finestre e vetrate al fine di favorire il ricambio d’aria naturale negli ambienti interni. In ragione dell’affollamento e del tempo di permanenza degli occupanti, dovrà essere verificata l’efficacia degli impianti al fine di garantire l’adeguatezza delle portate di aria esterna secondo le normative vigenti. In ogni caso, l’affollamento deve essere correlato alle portate effettive di aria esterna. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria, ad eccezione dei casi di assoluta e immodificabile impossibilità di adeguamento degli impianti, per i quali devono essere previste misure alternative di contenimento del contagio. In ogni caso vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto, e va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati. Se tecnicamente possibile, va aumentata la capacità filtrante, sostituendo i filtri esistenti con filtri di classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate. Nei servizi igienici va mantenuto in funzione continuata l’estrattore d’aria;
 
- nello svolgimento delle attività didattiche svolte all’interno di cinema, teatri e luoghi affini (teatro ragazzi, matinée scolastiche, etc.) in orario curriculare, si applicano le disposizioni riferite allo svolgimento delle attività didattiche, in particolare per quanto riguarda il tema della certificazione verde COVID-19.
 
GREEN PASS
Dal 6 dicembre 2021 per accedere agli spettacoli in sale cinematografiche e teatrali, il pubblico dovrà esibire il green pass "rafforzato" (o super green pass), cioè un green pass per vaccinazione o guarigione. (Il green pass rafforzato non include quindi l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare). Si applicano le esenzioni per i minori di 12 anni e per coloro che hanno un’idonea certificazione medica che potranno entrare in sala senza green pass).
 
Per controllarlo è sufficiente aggiornare l'applicazione "verifica c19" che già gli operatori delle sale stanno usando. Una volta aggiornata, l'applicazione funziona come prima, ma ci sarà da scegliere se utilizzare tipologia "verifica base" o "tipologia verifica rafforzata" che è quella che appunto serve da ora in poi agli operatori delle sale per controllare il "super green pass".
 
Dal 15 ottobre 2021 per chiunque svolge una attività lavorativa o di volontariato è fatto obbligo di possedere e di esibire su richiesta la certificazione verde COVID-19 BASE.
 
Come i gestori, il personale e i volontari devono verificare le certificazioni green pass?
È obbligo dell’esercente (pena diverse sanzioni), o suoi delegati incaricati con atto formale, effettuare la verifica del possesso di regolare certificazione verde Covid-19:
La Certificazione è richiesta dal verificatore all’interessato che mostra il relativo QR Code (in formato digitale oppure cartaceo).
 
La verifica delle certificazioni verdi COVID-19 è effettuata mediante la lettura del codice a barre bidimensionale, utilizzando esclusivamente l'applicazione mobile (per scaricarla e per capire come funziona si veda allegato 3), che consente unicamente di controllare l'autenticità, la validità e l'integrità della certificazione, e di conoscere le generalità dell'intestatario, senza rendere visibili le informazioni che ne hanno determinato l'emissione.
 
Gli incaricati al controllo non sono obbligati a chieder anche un documento d'identità, a meno che appaia manifesta l’incongruenza con i dati anagrafici contenuti nella certificazione (ndr: la lettura della certificazione verde con APP VerificaC19 fornisce nome cognome e data di nascita del possessore);
---------------------------------------------------
 
In fondo a questa pagina tra gli allegati trovate anche:
 
- protocollo sale della comunità
-  indicazioni per pulizia superfici
- come pulire le poltrone