Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
UN FILM AL MESE PER LE SALE DELLA COMUNITÀ
PAPA FRANCESCO - UN UOMO DI PAROLA
Segnaliamo un film al mese  particolarmente interessante da programmare nei prossimi mesi nelle sale della comunità, unito a una scheda di approfondimento:
 
novembre 2018
PAPA FRANCESCO - UN UOMO DI PAROLA
di Wim Wenders, Svizzera/Città del Vaticano/Italia 2018, 96’
Il film in due righe
Questo film vuole essere un viaggio personale in compagnia di Papa Francesco, più che un documentario biografico relativo alla sua figura. L’opera si basa visivamente e narrativamente sull'interazione del pubblico faccia a faccia con il Papa, instaurando un dialogo tra lui e, letteralmente, il mondo.
 Due domande-chiave
Per la prima volta in assoluto un papa si rivolge direttamente agli spettatori, rispondendo a domande da ogni parte dal mondo. Che cosa rende Papa Francesco tanto efficace nel comunicare?
L’autore Wim Wenders è tedesco e non è cattolico, dunque ha una formazione culturale molto distante da quella di Bergoglio. Quali argomenti consentono al regista e al pontefice di entrare in dialogo?
 
ottobre 2018
L’APPARIZIONE
di Xavier Giannoli, Francia 2017, 140’
Il film in due righe
Jacques, reporter di guerra, viene reclutato dal Vaticano per indagare su una presunta apparizione avvenuta in un villaggio della Francia. Anna, orfana e novizia, afferma di aver visto la Vergine Maria. L’evento ha condotto migliaia di pellegrini sul luogo e Jacques deve scoprire se Anna ha mentito oppure no.
 Due domande-chiave
Perché Giannoli sceglie come protagonista un reporter di guerra, cioè un uomo esausto e traumatizzato per quanto ha vissuto, da inserire nel contesto religioso e potenzialmente fanatico del film?
Per quale motivo il regista non chiarisce se si tratta veramente di un’apparizione, di un fenomeno allucinatorio, o di una semplice messa in scena di Anna per essere al centro dell’attenzione?
 
settembre 2018
DON’T WORRY
di Gus Van Sant, USA 2018, 113’
Il film in due righe
La storia vera del celebre fumettista americano John Callahan, rimasto paralizzato dopo un incidente automobilistico all'età di 21 anni. L'incidente, che poteva segnare la fine della sua vita, si rivelerà l'inizio di un nuovo meraviglioso percorso.
 Due domande-chiave
Pur essendo l’alcolismo la causa della sua sopravvenuta paraplegia, Callahan continua a bere. Quale molla finalmente fa scattare in lui la scelta di curare la sua dipendenza?
Grazie a Joaquin Phoenix, che offre la giusta misura di irriverenza ma anche di introspezione al personaggio, Van Sant riesce ad affrontare il tema della disabilità senza falsi pietismi. Quali strategie narrative adotta a questo scopo?
 
luglio 2018
L’AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA
di Xavier Legrand, Francia 2017, 90’
Il film in due righe
Dopo il divorzio tra Antoine e Myriam, il giudice decide per l'affido congiunto del figlio undicenne Julien. Il ragazzo cerca di proteggere la madre dalla violenza dell'uomo, ma la furia di Antoine sta per esplodere.
Due domande-chiave
L’ambiguità iniziale innesca un gioco di domande sulla verità. Cosa sta all’origine del disagio di Julien? Il ragazzo ha un piano quando prova a sabotare i tentativi del padre di entrare nella sua routine?
Il film racconta il dolore di vicende troppo spesso sottaciute o nascoste e lo fa in maniera semplice ma attenta, con un linguaggio asciutto e mai banale. Che cosa lo rende speciale?
 
giugno 2018
LA TERRA DELL’ABBASTANZA
di Damiano e Fabio D’Innocenzo, Italia 2018, 96’ - Vietato ai minori di 14 anni
Il film in due righe
Guidando a tarda notte, Mirko e Manolo, investono il pentito di un clan criminale di zona uccidendolo. In questo modo i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, il rispetto ed il denaro che non hanno mai avuto.
Due domande-chiave
Quale tipo di situazione familiare e sociale inducono Mirko e Manolo a pensare che un crimine come l’omicidio involontario possa trasformarsi in un colpo di fortuna?
Perché i due giovani, svolgendo il loro apprendistato nel mondo della malavita, sono pronti a sparare e uccidere senza alcuno scrupolo morale, pensando solo al rispetto e al denaro che così possono ottenere?
 
maggio 2018
LA CASA SUL MARE
di Robert Guédiguian, Francia 2016, 107’
Il film in due righe
In una villa di Marsiglia si ritrovano attorno all'anziano padre Angèle, attrice trasferitasi a Parigi, Joseph, aspirante scrittore, e Armand, gestore del ristorante di famiglia. Un arrivo imprevisto dal mare porterà scompiglio nelle loro vite.
Due domande-chiave
La malattia del padre costringe i tre fratelli a ritrovarsi come famiglia e a fare i conti con il passato. Quali sono i momenti tragici e quali invece quelli gioiosi che hanno segnato la loro vita?
In quale modo l’arrivo dei tre bambini rifugiati scuote i protagonisti dalla nostalgia del passato e li induce a guardare con ottimismo verso il futuro?
 
aprile 2018
UN SOGNO CHIAMATO FLORIDA
di Sean Baker, Usa 2017, 111'
Il film in due righe
Moonee, 6 anni, passa il tempo scorrazzando con altri monelli nel Magic Castle Hotel alla periferia di Disney World, mentre la madre Halley cerca di sbarcare il lunario più o meno onestamente. L'unico che si occupa di lei è Bobby, il manager dell'hotel.
Due domande-chiave
Il film propone un ritratto della società contemporanea realistico e non edulcorato. Perché in alcuni momenti la regia segue il punto di vista dei bambini?
In quale modo l'autore mette in contrasto le immagini vivide e brillanti che enfatizzano la spensieratezza dell'estate e la location turistica con la situazione drammatica in cui vivono i protagonisti?
 
marzo 2018
WONDER
di Stephen Chbosky, Usa 2017, 113’
Il film in due righe
Nato con una rara malattia, Auggie affronta per la prima volta la scuola, sperando di essere accettato dai coetanei e dagli insegnanti. L'amore della sua famiglia lo aiuterà a trovare un posto nel mondo e nel cuore dei compagni di scuola.
Due domande-chiave
Quali sono inizialmente i rapporti di Auggie a casa con i familiari e con i compagni, quando lo vedono per la prima volta?
Nonostante le reazioni degli altri, Auggie è felice di stare in mezzo a loro e vuol fare tutto quello che loro fanno. In quale modo lavorare sull’autostima e sulla capacità di relazionarsi con gli altri può far diminuire il fenomeno del bullismo?
 
febbraio 2018
COCO di Lee Unkrich e Adrian Molina, Usa 2017, 104’, animazione
Il film in due righe
Il giovane Miguel sogna di diventare un celebre musicista e non capisce perché nella sua casa sia bandita da generazioni qualsiasi forma di musica. Per una misteriosa serie di eventi il ragazzo finisce nella Terra dell'Aldilà: qui, con l'aiuto del simpatico e truffaldino Hector, scoprirà la storia della sua famiglia.
Due domande-chiave
Perché nella famiglia di Miguel è severamente bandita da generazioni qualsiasi forma di musica?
Quali sono gli insegnamenti principali sul significato dell'esistenza umana che Miguel porta a casa dal suo viaggio nel mondo dei morti?
 
gennaio 2018
GLI SDRAIATI di Francesca Archibugi, Italia 2017, 103'
Il film in due righe
Dopo la separazione, anni fa, Giorgio Selva ha ottenuto l'affido condiviso e vive metà del tempo col  figlio Tito, diciassettenne. E' un uomo realizzato, ma insieme all'adolescenza di Tito è scoppiata una guerra quotidiana. La vita insegnerà a padre e figlio come scambiarsi la fatica di diventare adulti e quella di invecchiare.
Due domande-chiave
Quali sono gli aspetti principali del modo di vivere di Tito che Giorgio non riesce ad accettare?
In quale terreno comune potrebbero incontrarsi Giorgio e Tito per recuperare il reciproco dialogo?
 
dicembre 2017
BARBIANA ’65 – LA LEZIONE DI DON MILANI
di Alessandro G.A. D’Alessandro, Italia 2017, 94’, documentario
Il film in due righe
Al documentario originale su Don Milani e la scuola di Barbiana girato da Angelo D'Alessandro nel 1965, il figlio Alessandro ha aggiunto tre testimonianze di chi ha vissuto e lavorato con lui o studiato la sua figura.
Due domande-chiave
Qual è il testamento spirituale del pensiero e della vita di Don Milani?
Perché può essere ancora utile per gli insegnanti e gli educatori di oggi?